FARHAD BITANI, da militare a costruttore di pace e fratellanza

20170321_105458

Martedì 21 Marzo, nell’Aula Magna dell’Istituto Superiore ‘’Giovanni Falcone’’di Gallarate, si è tenuta una conferenza con l’autore del libro “L’ultimo lenzuolo bianco. L’inferno e il cuore dell’Afganistan”, Farhad Bitani, ex Capitano dell’Esercito afgano, figlio di un generale mujaheddin. La sua testimonianza, toccante e coinvolgente, ha inquadrato perfettamente la situazione politica, sociale ed economica del suo Paese, l’Afghanistan. Cresciuto in un contesto di intolleranza, di violenza, che non permette di conoscere la verità trasmessa dal Corano, con la sola convinzione che il ‘diverso’ sia da eliminare, dopo essere sopravvissuto miracolosamente a un attentato da parte dei Talebani, nel 2011 inizia una riflessione sulla propria vita che lo conduce a un radicale cambiamento: abbandona l’uso delle armi, chiede e ottiene asilo politico in Italia e trasforma la sua vita in un’opera di informazione e dialogo interreligioso e interculturale. Farhad lancia un appello : ’’Tutti possono incontrare il Bene nella loro vita, anche la persona più crudele, in quanto ciascuno di noi ha un puntino bianco nel proprio cuore, che attraverso l’incontro con l’altro può ingrandirsi’’. Nella sua missione di sensibilizzazione ha anche fondato un’organizzazione di giovani afgani residenti in diversi Paesi del mondo, allo scopo di costruire nel suo Afghanistan, con l’invio di volontari, una società educata, istruita, sicura e giusta.

Ilaria Bignotti (5^Aps) e Giada Ripa (5^Bpe)

Annunci